• Allevamento Amatoriale di Pappagalli a Roma - Seguimi su Facebook " Allevamento La Piuma "
You Are Here: Home » Tutorial e Guide » Combattiamo Gli Acari Nei Pappagalli

Combattiamo Gli Acari Nei Pappagalli

Combattiamo Gli Acari Nei Pappagalli






Girovagando sul WEB si trovano molti articoli che parlano di questo temutissimo parassita, ma in pochi riescono a chiarire il concetto di come si identifica, cosa fa in allevamento, e la cura più efficace combattere gli acari nei pappagalli. Partiamo dalla base, ovvero su cosa sono gli acari.

L’acaro è una sottospecie di Aracnide, microorganismi spesso invisibili ad occhio nudo ( mediamente misurano tra i 200 e i 400 millesimi di millimetro). Si riproducono con estrema facilità in condizioni ambientali favorevoli, con una temperatura tra i 20° e i 30° con umidità dell’aria di circa il 70%. Esistono una varietà infinita di acari che colpiscono sia piante, che animali, che alimenti… Ed anche noi!!! Pertanto ci soffermeremo su quelli che attaccano i nostri pennuti ovvero

  • Acaro Rosso: il più odiato ed il più temuto, in molti pensano sia quasi impossibile debellarlo, ma si sbagliano!! E’ di colore scuro e diventa rosso quando succhia il sangue dei nostri volatili, si nasconde nelle gabbie, molle, mangiatoie e posatoi, ed anche nei muri dell’allevamento, attaccando i volatili soltanto di notte, nel periodo primaverile ed estivo scomparendo con i primi freddi. Ci accorgiamo di loro entrando di notte in allevamento ed inquandrando con un fascio di luce il pappagallo ed il posatoio, se l’infestazione è grave vedremo i piccoli acari muoversi sul posatoio e salire sulle zampe dei pappagalli, oppure possiamo, di giorno, prendere un posatoio cavo e batterlo su un foglio A4 bianco, se noteremo dei puntini rossi sul foglio… Sono loro!! Altri segni di infestazioni possono essere: morte dei nidiacei, pappagalli che respirano a bocca aperta ed affannati, pappagalli nervosi, continua pulizia del piumaggio, dimagrimento e nei casi più gravi la morte.
  • Acaro delle Piume: di colore grigiastro, è un piccolissimo acaro che si nutre delle piume dei nostri amici. Possiamo accorgerci di lui se le piume dei pappagalli risultano “mangiucchiate” oppure se si spezzano con facilità ( l’acaro mangia l’interno del calamo rendendo la piuma fragile ) Questo tipo di acaro è presente sia di giorno che di notte, quindi per verificarne la presenza è sufficiente prendere i soggetti e soffiare sotto le piume dove si annidano.
  • Acaro Respiratorio: sono acari che succhiano il sangue e vivono e crescono all’interno della gola dei volatili, si puo riconoscere se il soggetto ha difficolta respiratorie ( respira emettendo un “click click” ) che si manifestano con un sibilo mentre respira, tossisce e si grattano la gola per poi “sputare”. Per questo Acaro è necessario rivolgersi da un veterinario aviario perchè i “rimedi del nonno allevatore” spesso sono inefficaci mentre la cura con Ivomec (diluito in proporzione 1:9 con del glicole propilenico) risulta la più efficace ma il prodotto va prescritto da un veterinario, dopo essersi accertati che l’acaro sia quello.

Questi acari vengono portati in allevamento da altri animali infestati acquistati in mostre o fiere o da persone che non curano l’igiene dell’allevamento, oppure trasmessi da uccellini che provengono dalle nostre campagne o città ( passeri comuni, merli, tortore, piccioni ecc… ) Quindi è sempre bene creare l’allevamento in un posto dove non è consentito l’accesso ad animali dall’esterno. Ma oltre alla trasmissione tramite uccelli, questo acaro può entrare nel nostro allevamento tramite gabbie usate ( si mettono negli angoli del fondo, nelle molle, dentro ai posatoi ) ed accessori usati, oppure tornando da allevamenti infestati e poi toccare i nostri volatili.

COMBATTERE L’ACARO:
Ci sono molte “scuole” in giro su come combattere gli acari. Esiste una polvere per cani di nome NEGUVON che va spruzzata dopo essere stata diluita con acqua sui muri porosi, soprattutto se ci sono fori che fungono da case per gli acari. Esiste il NEOFORACTYL spray per accessori e per animali, che spruzzato ad un palmo di distanza sul pappagallo e sopra agli accessori funge da antiparassitario ed acaricida. Altra tecnica è la POLVERE DI PIRETRO che sparsa dentro ai nidi o nei fondi delle gabbie mista alla lettiera o alla carta ( dipende da cosa usate ) è un prodotto naturale al 100% che allontana gli acari.

Ma… Provandole tutte ho constatato, secondo la mia esperienza di allevatore che il miglior prodotto per allontanare gli acari dai nostri animali, e dall’ambiente in cui alleviamo è il FRONTLINE COMBO. Riesce a sterminare anche le uova, e ne basta una goccia dietro la nuca, tra le scapole del pappagallo/uccello che vi proteggerà per svariato tempo. Ma questo non basta, perchè il frontline va abbinato ad una accurata pulizia di tutte le gabbie con prodotti disinfettanti, ed anche del locale dove allevate!!! Per ogni dubbio vi aspettiamo sulla pagina Facebook dove potete contattarmi per aiuto o delucidazioni in merito. Un caro saluto a tutti voi ed ai vostri amici pennuti da Emanuele!

Vuoi approfondire questo argomento? Parlane con altri appassionati come te!
Ti aspettiamo sulla Pagina Facebook e sul Profilo Twitter, vienici a trovare!





Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

© 2017 Powered By IlTrespolo

Questo sito web utilizza cookies, anche di terze parti, continuando la navigazione accetti il loro utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Scroll to top